Eseguire una deframmentazione dell’Harddisk su Windows 7

Guida base sul come “Eseguire una deframmentazione dell’Harddisk su Windows 7“.

Premesso che questa guida si basa sul sistema operativo “Windows 7” e quindi la procedura può divergere da altri OS (Mac, ubuntu), ma è simile a molti altri sistemi operativi windows (vista, xp).

Per eseguire la deframmentazione ci sono varie via da poter intraprendere:

  • Si può eseguire tramite l’utilizzo del programma preinstallato sul sistema operativo;
  • Si può eseguire mediante un programma esterno;

 

Prima di iniziare la procedura voglio soffermarmi sull’utilità della deframmentazione:

La deframmentazione dell’Harddisk è ultile in quanto ottimizza l’archiviazione dei dati, i quali si presentano in allocazione di memoria discontinua quindi “frammentati” sull HDD. L’ottimizzazione consiste nel porre quei dati in posizioni di continuità sull’HDD riuscendo così a ridurre i tempi di accesso alla risorsa richiesta, in altre parole carica più velocemente cartelle e file.

E’ una pratica che andrebbe fatta non di “rado” ma anzi addirittura pianificata in periodi a seconda dell’utilizzo del proprio pc.

 

Adesso iniziamo con la procedura per la deframmentazione con  “l’utilità di deframmentazione dischi” presente sul proprio SO:

Procedura:

  • Andare sul menù start, digitare nella ricerca “deframmentazione” , cliccare sul programma “utilità di deframmentazione dischi”, Cliccare sull HDD che si vuole deframmentare ed avviare la deframmentazione cliccando “Deframmenta disco”;

Procedura alternativa :

  • Andare sul menù start, Cliccare su “Computer” dalla barra di destra del menù, cliccare col tasto destro del mouse su uno degli HDD visualizzati ed andare in proprietà. Una volta nelle proprietà, andare nella sezione strumenti e cliccare su “Esegui Defrag“. Avviare la deframmentazione.

 

Ecco la schermata su cui vi dovrete trovare per eseguire la deframmentazione via  “utilità di deframmentazione dischi”:

Deframmentazione

 

La procedura è attuabile anche attraverso programmi esterni come Tune-up utilities che la esegue regolarmente in periodi da noi preimpostati ed è oltretutto molto efficiente , il programma è però a pagamento o in versione di prova. Bisogna inoltre diffidare di molti programmi “Fake” cioè falsi che in realtà non svolgono le proprie mansioni ma hanno il solo intento di installare Toolbar praticamente inutili per l’utente o addirittura virus.

 

Spero che la guida sia utile, nel caso di dubbi o problemi postate un commento. Saluxjiras.it

About Claudio Daniele

Claudio Daniele
Claudio Daniele, è Webmaster di "Saluxjiras.it", Blogger Freelance, articolista, amante del web e di tutto ciò che lo circonda. Nella vita, è uno studente universitario ed in rete Scrive soprattutto di Tecnologia, Social Media Marketing, Giochi e curiosità dal web.