Perché rendere i siti web responsivi?

Ultimamente, sempre più siti web che conosciamo hanno optato per un cambio di design. Vi siete chiesti il perché? La risposta è molto semplice per renderli responsivi!

Che cos’è un design responsivo? E’ un design che a seconda del dispositivo e la grandezza dello schermo cambia forma ed impostazione di pagina.

Il motivo per il quale si opta per il responsivo, è che molti ormai usano navigare in rete con dispositivi mobili, come smartphone e tablet, lasciando completamente al disuso il tradizionale desktop. Un po’ per comodità e versatilità dei nuovi dispositivi, un po’ per esigenze. Infatti non tutti sono spesso a casa dietro un PC, ma a lavoro, per strada a scuola e necessitano ugualmente di reperire informazioni, notizie e contenuti sulla rete.

Un sito responsivo aumenta le visite e la navigazione degli utenti, perché è ormai assodato che:

siti web responsivi 1

Il 75% degli utenti che visita un sito web, preferisce uno spazio “mobile-friendly” (siti adattivi o responsivi) da visitare, ed il 61% che visita siti non responsivi preferisce andare da un concorrente che fornisce lo stesso contenuto ma con design ottimale per dispositivi mobili.

siti web responsivi 2

Gli utenti che utilizzano dispositivi mobili, visitano maggiormente siti: per ricerche e statistiche sui prezzi (81%), che servano recensioni su prodotti (79%) ed in fine il 63% degli utenti che utilizzano dispositivi mobili visita siti web per acquisti.

Molta importanza per l’utente la hanno: Velocità, Usabilità ed i Contenuti.

quick easy useful

Infatti l’esperienza utente si basa soprattutto su questi 3 fattori, un sito veloce e ben accessibile anche con connessioni mobili lente, una buona esperienza utente per quanto riguarda la visita e l’interazione con le funzionalità del sito web ed ultimo (ma non ultimo) il contenuto che deve essere il quanto più di qualità, comprensibile e pertinente alla ricerca.

constistenza mobile commerce strade di acquisto

Altri aspetti importanti, per quanto riguarda un E-commerce sono:

  • integrare funzionalità e migliorare la consistenza della compatibili con dispositivi mobili. Un sito E-commerce, ha l’obiettivo di vendere i propri prodotti, quindi è una buona strategia l’ integrazione di funzionalità già presenti sull’e-commerce desktop in modo che funzionino anche sul dispositivo mobile, o anche aggiungere più funzionalità inerenti al dispositivo, come: riconoscimento dispositivo e “redirect” su area specifica di prodotti per quel dispositivo (es. per e-commerce di accessori per smartphone).
  • Minimizzare gli “step” per l’acquisto, rendendo meno il tempo necessario per l’acquisto e più semplici i metodi di pagamento. Anche eliminare qualsiasi errore inerente all’interfaccia mobile, ponendo all’utente un perfetto M-commerce, di certo giova a non lasciare utenza ai concorrenti.
  • Rendere intuitiva la strada per visitare un e-commerce e completare l’acquisto. Esempio evidente è l’uso dei QRcode che i dispositivi mobili possono leggere, ed arrivare direttamente al punto interessato. Un negozio che ha campagne pubblicitarie dovrebbe, in tutte quelle cartacee, avere un link QRcode indirizzato alla propria attività sul web. Questo aumenterebbe le conversioni.

Un sito può diventare responsivo:

  • servendo lo stesso url, lo stesso html con css che utilizza diverse dimensioni  a seconda della dimensione dello schermo;
  • Utilizzando lo stesso URL ma Cambiando Html a seconda del dispositivo;
  • Utilizzando diversi siti web a seconda del dispositivo e quindi diverso HTML e diverso URL.

siti responsivi

I siti responsivi sono ovunque e temi per i vari applicativi sono scaricabili o acquistabili in tutto il web.  E tu quando passi ad un sito responsivo?

**Se però fino ad ora abbiamo pensato e parlato unicamente del lato utente, adesso vorrei introdurre il mio pensiero sul responsivo, dal punto di vista del Webmaster. Avere un sito responsivo ha i suoi pro e contro. Io decisamente, odio i siti responsivi come Blogger, non tanto per la visualizzazione da utente, ma per la gestione dei contenuti e delle Ads.

Se è pur vero che un sito responsivo genera più visite, è anche vero che principalmente (almeno nel mio caso), converte meno in impressioni e click (o tap) sulle Ads, ed essendo il mio sito web responsivo ho deciso di disattivare la possibilità  dell’adattività ai dispositivi mobili.

Altro punto chiave è la visualizzazione dei contenuti. molti webmaster e web-designer “sprecano” ore ed ore a creare siti a dir poco artistici, per poi veder tutto sfumare con un banale sito responsivo a discesa… i responsivi sono tutti uguali, non hanno sidebar e si presentano unicamente come una lista di informazioni ed immagini. Non contando poi il fatto che se modifichi un po’ di codice, oltre a vedere se c’è la compatibilità dei Browser ,devi aspettarti che funzioni e non ci siano problemi anche nel responsivo.

Ma alla fin fine finiremo tutti ad usare il responsivo, in fondo è la moda ed il “Trend” del momento.

 

Le immagini e le informazioni  per questo articolo sono state reperite da Google ed in special modo su: www.google.co.uk/think

About Claudio Daniele

Claudio Daniele
Claudio Daniele, è Webmaster di "Saluxjiras.it", Blogger Freelance, articolista, amante del web e di tutto ciò che lo circonda. Nella vita, è uno studente universitario ed in rete Scrive soprattutto di Tecnologia, Social Media Marketing, Giochi e curiosità dal web.